Agatha Christie, un grande ritorno
per l'unica signora del mistero

Agatha Christie, un grande
ritorno per l'unica
signora del mistero
di Annalisa Pavoni
Evergreen Agatha Christie. Inossidabile nel tempo, i gialli della “signora del mistero” continuano ad annoverare milioni di lettori nel mondo, in 44 lingue differenti per 2 miliardi di copie vendute. La Christie scrisse il suo primo successo - Poirot a Styles Court -, nel bel mezzo della prima guerra mondiale, quando lavorava all’ospedale di Torquay come infermiera, imparando molto su veleni e medicinali. Era da poco sposata con Archibald Christie, colonnello della Royal Flying Corps, di cui manterrà il cognome anche dopo il divorzio ed il secondo matrimonio. Anche il cinema le ha reso più volte omaggio con sontuosi adattamenti.

Tra novembre e dicembre usciranno ben due film, uno è già nelle sale, entrambi con cast stellari. “Mistero a Crooked House” è tratto da uno dei gialli che la Christie amava di più - E’ un problema -, senza i suoi Poirot e Miss Marple. Un giallo classico, ambientato in una lussuosa dimora, il cui proprietario viene trovato morto. La sceneggiatura è di Julian Fellowes, e chi ha visto Gosford Park di Altman e la pluripremiata Downton Abbey, riconoscerà immediatamente lo stile. L’altro film in uscita è il celeberrimo “Assassinio sull’ Orient Express”, nella nuova versione di Kenneth Branagh, che guarda chiaramente a quella di S. Lumet, 1974, con Finney, Bacall, Bergman, Bisset, York, Cassel, Gielguld, Connery, Perkins, Widmark, Redgrave, Balsam…come dire, buona parte della storia del cinema. «La donna che, dopo Lucrezia Borgia, è vissuta più a lungo a contatto col crimine», nella celebre definizione di Winston Churchill, è dunque ancora in grado d’intrigarci, e d’ispirare, con le sue trame misteriose.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 12 Novembre 2017, 12:42 - Ultimo aggiornamento: 12-11-2017 12:42

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO