Un sorso di candeggina per cercare
di uccidersi: grave uomo di 78 anni

Un sorso di candeggina
per cercare di uccidersi
Grave un uomo di 78 anni
FALCONARA - Un sorso di candeggina per porre fine alle sue sofferenze. Così ha tentato di uccidersi un pensionato di 78 anni, ieri mattina a Falconara. Il tempestivo intervento del 118, sollecitato da un familiare, gli ha salvato la vita. Tuttavia, l’anziano ora è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale regionale di Torrette per le lesioni provocate dalla sostanza caustica all’esofago, alla faringe e allo stomaco.

L’allarme è stato dato attorno alle 8,45. L’anziano è stato trovato steso sul pavimento, nel suo appartamento di via Matteotti, in preda a dolori lancinanti. Subito sul posto sono intervenute l’automedica di Torrette e un’ambulanza della Croce Gialla di Falconara: il personale medico del 118 ha prestato le prime cure, ma poi si è reso necessario l’immediato trasferimento al pronto soccorso dell’ospedale regionale, vista la gravità della situazione. Accanto al paziente è stato trovato un flacone di candeggina: il 78enne ne avrebbe ingerito una quantità sufficiente a provocare danni considerevoli al tratto gastrointestinale superiore. E infatti, è arrivato al punto di primo soccorso di Torrette in codice rosso. Non ci sono dubbi sul fatto che si tratti di un gesto volontario. Restano da capire le cause. Forse l’anziano ha tentato di togliersi la vita perché piombato in un profondo stato di depressione, ma gli inquirenti stanno cercando di far luce sull’accaduto interrogando i parenti del pensionato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 14 Giugno 2018, 05:05 - Ultimo aggiornamento: 14-06-2018 05:05

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO