La protesta contro il Governo: «Il 1° giugno staccate la luce, non è una cavolata». Quando la rivoluzione si fa sui social

La protesta contro il Governo: «Il 1° giugno staccate la luce, non è una cavolata». Quando la rivoluzione si fa sui social
Ci sono tanti modi per protestare contro il Governo o in generale contro lo Stato, e presto lo verificheremo con i nostri occhi dati i proclami di ieri e oggi di alcuni partiti contro il Presidente della Repubblica dopo che il governo che doveva essere guidato da Giuseppe Conte non è mai nato. Ma ad un modo originale per mostrare la propria contrarietà alle politiche attuali come quello di Io VI spengo, siamo sicuri che non avevate pensato mai.

Impeachment, che cos'è e come funziona in Italia. Ecco cosa dice l'articolo 90

Questa pagina Facebook ha lanciato da qualche anno infatti un'idea: individuare un giorno e un orario ed esprimere la propria protesta staccando la luce. Il giorno scelto quest'anno è il 1° giugno, alle 21.30 esatte. L'ultimo diritto rimasto. Così avete finalmente capito come stanno le cose in Italia, meglio tardi che mai - si legge nel post - Volete fare una rivoluzione? Che bella parola..."rivoluzione", sentite come suona bene..."ri-vo-lu-zione", ora però ditemi, come vorreste farla questa rivoluzione, perché posso assicurarvi che nessuno vi ci porterà mai. Volete davvero dare un segnale forte?
».

La risposta è netta, la soluzione anche: «La sera del 1 giugno alle ore 21:30 esatte, staccate la corrente per 1 minuto. Questo è il quarto anno che portiamo avanti questa iniziativa, siamo partiti con piccoli numeri ma ad oggi quei piccoli numeri sono diventati qualche milione. Ci sono quelli che continuano a scrivere che non servirà a niente spegnere/staccare la luce per un solo minuto, io posso invitarvi a staccare tutto per un solo minuto perché...se milioni di persone vanno ben oltre il minuto, succede quel che non dovrebbe succedere, ecco perché in troppi si stanno affannando a far passare questa iniziativa per una cavolata».
 

Non è ben chiara l'utilità della protesta né esattamente contro cosa si protesta, se contro un Governo, contro un sistema, contro un partito politico: ciò che colpisce è la peculiarità della forma. «Questa è una forma di protesta che possono fare tutti, nessuno escluso, perché sarà completamente libera, potranno parteciparvi le persone anziane, i ragazzi, donne e bambini. Dici che non servirà a niente...ma che ti costa farlo?», conclude il post. Ma cosa succederebbe davvero se staccassimo tutti la luce? La risposta è scontata: resteremmo tutti al buio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Luned├Č 28 Maggio 2018, 22:01 - Ultimo aggiornamento: 28-05-2018 22:05

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 di 0 commenti presenti