RisorgiMarche, Jovanotti live per solidarietà
alle comunità colpite dal sisma

RisorgiMarche, Jovanotti
live per solidarietà
alle comunità colpite dal sisma
Sarà Lorenzo Jovanotti a chiudere stasera (5 agosto) la seconda edizione di RisorgiMarche, il festival di solidarietà per le comunità colpite dal sisma ideato e promosso da Neri Marcorè. L’annuncio è stato dato dallo stessa artista marchigiano alla fine della serata con Gnu Quartet dedicata a Fabrizio De Andrè. Jovanotti si esibirà nei pressi dell’Abbazia di Roti, tra Matelica e San Severino Marche, nella provincia di Macerata, con un set unico. 

 «La soddisfazione per aver dato vita a una seconda edizione di RisorgiMarche con ancora più appuntamenti, più spettatori, più entusiasmo e una filosofia consolidata è enorme - specifica Marcorè - L’aiuto di tanti ha reso possibile e fruibile a tutti questo festival che vuole contribuire a ricostruire un senso di comunità e appartenenza e sostenere lo spirito di chi ha subito danni e perdite dal terremoto del 2016. Senza gli artisti che hanno accettato la mia proposta, tutta questa meraviglia non avrebbe potuto essere vissuta. Jovanotti avrà al suo fianco Riccardo Onori (chitarra), Leonardo D’Angilla (percussioni), Gianluca Petrella (fiati) e l’immancabile Saturnino, suo compagno di palco da 28 anni.

 «Quasi 200mila spettatori in due anni, molti venuti da altre regioni, la promozione turistica di un territorio che neanche molti marchigiani conoscevano, la vicinanza umana alle comunità terremotate, l’indotto che ha coinvolto aree di servizio, bar, ristoranti, strutture alberghiere, esercizi commerciali di vario genere che hanno potuto promuoversi e vendere i loro prodotti, grazie anche all’idea del DopoFestival alla quale hanno aderito circa 30 comuni solo quest’anno e oltre 100 aziende tra le province di Macerata, Fermo e Ascoli Piceno… Non sono un economista ma credo che applicando a questi numeri un moltiplicatore neanche troppo alto si arrivi a ipotizzare una ricchezza generata e distribuita sul territorio di alcuni milioni di euro». 

 La seconda edizione del festival è stata realizzata con il sostegno di sponsor privati e della Regione Marche, con 315.000 euro provenienti dal decreto ‘Milleproroghe’ del MIBAC. Il Ministero, come noto, ha stanziato circa 4 milioni di euro per attività culturali nelle quattro Regioni colpite dal sisma, destinando alle Marche il 50% del fondo. Come noto, si tratta di fondi utilizzati per la realizzazione di grandi eventi aggreganti con la sola finalità di finanziare esclusivamente progetti e iniziative di rilancio culturale nel cratere del sisma, lasciando quindi inalterati quelli destinati alla ricostruzione materiale.

 Mentre il merchandising di RisorgiMarche, affidato all’Anffas Onlus Sibillini - Associazione Famiglie Disabili Intellettivi e Relazionali, ha raggiunto la somma di oltre 50mila euro. il ricavato, fatti salvi i costi, sarà destinato al finanziamento del progetto ‘Casa nel Cuore’, struttura nella quale i ragazzi disabili dell’area del cratere potranno svolgere laboratori e attività di lavoro protetto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 5 Agosto 2018, 10:02 - Ultimo aggiornamento: 05-08-2018 20:57

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 di 0 commenti presenti