Don Mazzi risponde alle accuse di Corona:
«Capacità sataniche di manipolare la verità»

Don Mazzi a Corona:
«Capacità sataniche
di manipolare la verità»
di Ida Di Grazia
Dopo le accuse che Fabrizio Corona ha rivolto a Don Mazzi domenica sera durante la trasmissione di Massimo Giletti "Non è l'Arena", arriva questa mattina la replica ai microfoni di RTL 102,5. 

Corona, show in tv da Giletti: «Don Mazzi deve appendere il crocifisso al chiodo» 
Corona si scaglia contro la Lucarelli: «La non giornalista vuole il mio corpo e io non glielo do» 
"Non è l'Arena", rissa tra Corona e Mughini: «Ti compro e ti metto in giardino a scrivere libri» 





A “Non Stop News”, il programma condotto da Pierluigi Diaco, Fulvio Giuliani e Giusi Legrenzi il sacerdote che ieri non ha visto la trasmissione ha così commentato: «Siamo abituati a gente che ci adora e gente che si inventa di tutto. Non mi meraviglia. Venivo da un incontro con altri ragazzi, di certo non li mollavo per Corona». Diaco poi chiede un commento alle accuse scagliate dall'ex re dei paparazzi:« Non ho mai visto Don Mazzi - aveva detto durante la trasmissione Corone - forse due volte in carcere. Ho fatto un percorso bellissimo in una comunità collegata ad Exoudus, lui mi ha detto che meritavo di marcire in galera. Da un prete non l'accetto. Deve appendere il crocefisso al chiodo! Non ho mai avuto un rapporto di cura con questo signore, io non l'ho mai visto in cinque mesi di comunità »

«Il crocifisso è già al chiodo. Se Corona è uscito dal carcere di Opera - replica Don Mazzi - è perché ci siamo dati da fare io insieme al direttore e al cappellano don Antonio. Chiedete al cappellano e vi dirà la verità. L’ho sempre seguito e assistito, ma se lui si è messo in testa dire il contrario lo dice e basta. Ha la capacità satanica di manipolare la verità. In tutte le mie comunità che dirigo c’è un responsabile. Ho mandato Corona in quella di Gallarate perché tenendolo con me sarebbe stata una girandola di giornalisti e fotografi. Appena arrivato in comunità sono andato a trovarlo. E ci sentivamo ogni giorno, io ero aggiornato su quello che faceva». 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 18 Giugno 2018, 11:22 - Ultimo aggiornamento: 18-06-2018 13:27

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 di 0 commenti presenti