Idee d'autore, seguendo le tracce
delle grandi opere di letteratura

Idee d'autore, seguendo
le tracce ​delle grandi
opere di letteratura
di Martina Marinangeli
Immaginate di poter rievocare uno dei grandi autori del passato e di viaggiare insieme a lui mentre tratteggia quei luoghi resi immortali da capolavori letterari: chi scegliereste? Il Goethe del pellegrinaggio artistico dalla Germania all’Italia, oppure un on the road alla ricerca di se stessi con Kerouac lungo la Route 66? Quando a guidare il vostro tour sono le più grandi penne della letteratura, ciò che vi aspetta è un viaggio d’autore.

Ispirati da Jules Verne
Perché non iniziare subito in grande stile, lasciandosi prendere per mano da Jules Verne e ripercorrendo le tappe di Fogg in un Giro del mondo in 80 giorni? Con i viaggi organizzati dal sito Around the world tours partirete da Londra esattamente come nel romanzo e, passando per Suez, Mumbai, Calcutta, Hong Kong, Yokohama (Tokyo), San Francisco e New York, ritornerete poi nella capitale inglese. Sarà come ritrovarsi catapultati tra le pagine del libro, ma con la comodità del 21° secolo: gli 80 giorni non li spenderete tutti sui mezzi di trasporto come Fogg ma, usando quasi esclusivamente l’aereo, potrete trascorrere il resto della vacanza a visitare le meraviglie delle città che toccherete. Il costo del tour parte da circa 2.600 euro a persona.



Pellegrinaggio in Italia
Chi è nato in Italia tende a dare per scontate le straordinarie bellezze naturalistiche e artistiche che ha da offrire, ma per chi non è abituato a passeggiare tra i fori romani e le meraviglie archeologiche di Pompei, o a solcare i canali di Venezia in gondola, questo Paese appare magico e surreale. «Roma è la capitale del mondo», scriveva Johann Wolfgang Goethe nel libro Viaggio in Italia, che racconta il suo pellegrinaggio artistico nei luoghi della cultura classica e rinascimentale.
Partito a piedi dal sud della Germania, Goethe arrivò a Torbole, sul Lago di Garda, per poi passare, tra le altre tappe, per Padova, con la visita all’Orto Botanico, e Vicenza, dove vide le opere del Palladio e del Tiepolo. Poi Venezia, Bologna, con la visita alla Torre degli Asinelli e ancora Firenze, Roma, Napoli, Pompei, Caserta ed Ercolano. Il viaggio si concluse con i lasciti della Magna Grecia in Sicilia. Ripercorrere il viaggio di Goethe può essere un ottimo modo per innamorarsi di nuovo del proprio Paese.

Dolce naufragar
Stesso discorso vale per le Marche. La sommità del Monte Tabor, da cui si domina un panorama vastissimo di Recanati e dintorni, si trasforma in quell’eremo mistico da cui si può “naufragar” nell’infinito. I versi immortali di Giacomo Leopardi ci accompagnano lungo i percorsi della sua vita, facendoci scoprire l’anima lirica di Recanati. Nel parco letterario dedicato al Giovane Favoloso, è possibile visitare i luoghi che hanno saputo ispirarlo, nel bene e nel male. La campagna recanatese, da cui arriva “la donzelletta” del Sabato del villaggio e la “piazzuola” in cui giocano i bimbi; la Torre sul chiostro della Chiesa di S. Agostino, immortalata in quel «D’in su la vetta della torre antica, Passero solitario, alla campagna Cantando vai finché non more il giorno». Il “natio borgo selvaggio” si trasforma così in luogo incantato e poetico.



«Kafka era Praga e Praga era Kafka»
«Kafka era Praga e Praga era Kafka. Niente era mai stato così completamente e tipicamente Praga». Nelle parole dello scrittore Johannes Urzidil è racchiuso il rapporto inscindibile, seppur molto spesso conflittuale, tra il grande autore ceco e la sua città. Una simbiosi evidente in luoghi mitici come la Casa Minutta, dove visse la famiglia Kafka, rievocata in “Lettera al padre”, o il Duomo di San Vito, ispirazione per la chiesa di una scena de “Il processo”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 9 Agosto 2017, 13:10 - Ultimo aggiornamento: 09-08-2017 13:10

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO