Danzica tra passato e presente
spicca tra le destinazioni emergenti

Danzica sintesi tra passato
e presente spicca
tra le destinazioni emergenti
di Federica Buroni
Là dove passato prossimo e remoto si mescolano fino a confondersi, per continuare a raccontare d’una città che dà il ritmo alla storia. Danzica è così, snodo di epoche e testimone di scenari da “mai più come prima”. Genetica e privilegio per questo porto europeo carico di vicende e di case colorate, sintesi estrema tra la fiorente città mercantile del XVII secolo e la capitale del movimento Solidarnosc che sotto la guida di Lech Walesa diede inizio allo smantellamento del regime comunista in Europa Orientale. Allora e oggi stessa pietra miliare, tant’è che nella nuova classifica di Tripadivsor - numero uno al mondo per consigli di viaggio - al primo posto dei “Travelers Choice destination on the Rise 2018 Europe” si piazza la bella polacca, adagiata sulla costa meridionale del Mar Baltico, proprio lì alla confluenza del fiume Motława con la Vistola.



Il filosofo
Realtà e miraggio. «La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro. Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare» scriveva uno dei suoi cittadini più illustri, il filosofo Arthur Schopenhauer. Parole che orlano Danzica, trama di storia millenaria e di record che s’esaltano l’un l’altro. Eccola, mostrare il volto di centro tra i più importanti della Lega anseatica che sperimentò per ben due volte l’autonomia di città-stato. Fiera lei, che sarebbe stata ricordata come il luogo simbolo dello scoppio della seconda guerra mondiale e come emblema della fine del regime comunista nell’Europa centrale. È ancora la storia a forgiare quello che oggi è un centro internazionale - culturale, scientifico, industriale - e porto turistico da 5 milioni l’anno di persone provenienti da tutto il mondo: la sua architettura racconta l’essere stata contesa nei secoli da tedeschi, russi, svedesi che qui portarono la loro cultura per riscriverla insieme.

Mattoni da record
Di primato in primato, con la Basilica di Santa Maria, il più grande edificio in mattoni in Europa, costruita nell’arco di oltre 160 anni, lunga 105 metri e alta 30, che può accogliere ventimila persone: sul suo campanile, che svetta a 80 metri, si arriva salendo 400 gradini per godere di una vista su città, porto e dintorni che emoziona e stupisce. A pochi passi c’è via Mariacka, tutta l’atmosfera di un’antica città mercantile e luogo ideale per acquistare l’ambra, che dalla resina degli alberi fossilizzata si fa gemma e supremazia mondiale.

Labirinto di stradine
Come in un pizzo urbano è perdersi nel labirinto di stradine, gallerie d’arte, negozi d’antiquariato e caffè alla moda per arrivare al vecchio porto, dove giungevano le navi della flotta di Danzica e della lega Anseatica. Sul lungofiume domina sempre l’antica gru, la più grande nell’Europa del Medioevo, costruita nel 1444: serviva allo sbarco delle merci e per il montaggio degli alberi sulle navi e al suo interno è rimasto inalterato il meccanismo, una grande ruota in legno, azionata con la forza delle gambe. Scorre lenta la bellezza immutata di questa città con il Tratto Reale - via Długa e Długi Targ (Piazza del Mercato Lungo) - racchiuso tra le imponenti Porta d’Oro e Porta Verde. È qui - dove il presente sa di concerti, spettacoli teatrali, e dove la statua del Nettuno è l’immancabile sfondo per le foto ricordo - che giungevano in città i re e gli ospiti più importanti dei ricchi cittadini di Danzica. Ancora un raccordo temporale: la Fiera di San Domenico - Jarmak Dominikanski - uno dei più grandi, antichi e famosi eventi culturali e commerciali della Polonia. Da non perdere, è il passato remoto che si mescolano fino a confondersi. Sempre.



L’organo più grande
Oliwa, una volta capitale dell’ordine dei cistercensi, in seguito quartiere residenziale di Danzica, si trova all’interno di un disegno di strade e case nobiliari, dei veri e propri tesori: la cattedrale, con gli interni in stile barocco, custodisce l’antico organo, uno dei più grandi al mondo.



Prima è Ishigaki
Nella classifica mondiale delle mete emergenti, i viaggiatori premiano al primo posto la giapponese Ishigaki per le sue coste di sabbia bianca e la natura incontaminata dell’arcipelago Yaeyama in Giappone. Seconda è invece Kapaa nelle Hawaii e terza l’africana Nairobi, capitale del Kenya.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 17 Gennaio 2018, 12:05 - Ultimo aggiornamento: 17-01-2018 12:05

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO