Le opere nel verde della montagna
Art Park a Verzegnis: inno alla libertà

Le opere nel verde
della montagna, Art Park
a Verzegnis: inno alla libertà
di Federica Buroni
È un inno alla natura e alla libertà d’espressione. L’Art Park di Verzegnis, in provincia di Udine, è un parco d’arte contemporanea che nasce nel verde delle montagne della Carnia dall’idea di Egidio Marzona, che dal 1989 invita alcuni tra i più interessanti e importanti artisti internazionali a creare interventi per la sua tenuta, lasciando loro totale libertà. Nel corso dei decenni il collezionista di origini tedesche ha raccolto installazioni e opere di land art, minimal e conceptual art, rese poi disponibili alla comunità, creando un piccolo museo all’aperto - oggi parte delle realtà espositive della Rete Museale Carnia Musei - nei terreni che circondano il centro abitato e le sue case-museo. È un progetto che esplora le possibilità offerte dal dialogo dell’arte, in sintonia con la poetica degli artisti.



I maestri del Novecento
Esclusivo e prezioso come uno scrigno. L’Art Park è unico in Italia per la qualità delle sue opere come per l’armonica fusione tra ambiente costruito e natura circostante. È qui che opera Egidio Marzona, collezionista tedesco originario di Verzegnis, che da alcuni anni invita artisti di fama internazionale a soggiornare in Carnia e a realizzare sculture all’aperto di grande scala su terreni di sua proprietà. Nel prato posto al centro della frazione e in alcuni spazi vicini sono sorte negli ultimi anni opere di personalità come Mario Merz, Sol Lewitt, Bruce Nauman, Richard Long, Dan Graham, Lawrence Weiner, Giuseppe Penone: grandi maestri del Novecento che hanno creato installazioni, percorsi ambientali e interventi a cielo aperto e nelle case del collezionista, dando vita a un flusso di sperimentazioni partecipative. Per sentirsi liberi tra arte, natura e forme.



Un linguaggio geometrico
Artisti, loro, che rappresentano tendenze come Arte Povera, Land Art e Minimalismo, che rifiutano l’isolamento nei musei e preferiscono invece lavorare in contesti pubblici, creando interventi pensati per luoghi specifici, per dialogare con il paesaggio e con la natura. Le loro opere sono caratterizzate da un linguaggio geometrico elementare, dall’uso di materiali primari, spesso locali, e da una particolare attenzione a come si sistemano nello spazio: tutti elementi che invitano a una visita che coinvolge non solo le sculture, ma anche il contesto. Morale: l’Art Park di Verzegnis è molto di più di una esposizione: il progetto, infatti, vuole riflettere sul ruolo dei centri considerati minori nel panorama culturale italiano, cercando di abbattere quella distanza che spesso si crea tra il pubblico e le diverse espressioni della contemporaneità. E la zona di Tolmezzo è ricca di arte contemporanea: dalla Galleria De Cillia di Treppo Carnico, alle mostre estive d’arte sacra a Illegio, che, insieme con l’Art Park di Marzona, garantiscono importanti contenuti per un turismo culturale di tipo slow. Abitando il territorio, come luogo di relazioni e di forze da risvegliare.



Nei dintorni
Un inno alla natura e alla libertà d’espressione, si diceva. E allora da non perdere è la visita al Lago di Verzegnis, presso la frazione di Chiaicis. Lo specchio d’acqua di origine artificiale nasce dallo sbarramento del torrente Ambiesta con una diga, che porta l’acqua alla centrale idroelettrica di Somplago. Un ponte lo attraversa, circa a metà della sua estensione, e permette il collegamento con l’abitato di Pusea. Quando le acque sono basse, si riesce ad arrivare tramite un piccolo sentiero a un isoletta, a ovest rispetto al ponte. Nelle giornate di bel tempo, nelle sue acque il lago riesce a riflettere il monte Amariana.
 


In giro con le audio guide
Il parco è aperto tutto l’anno. Audio guide sono disponibili gratuitamente presso l’Antica Osteria Stella D’oro (chiusa il lunedì) a Villa di Verzegnis nei pressi del parco. L’ ingresso è gratuito.
Info 0433.487779 carnia.musei@carnia.utifvg.it.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 27 Giugno 2018, 15:01 - Ultimo aggiornamento: 27-06-2018 15:01

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO