Urbino servizi, i Verdi in Procura
«Parentele e esami orali, è irregolare»

Urbino servizi, i Verdi
in Procura: «Parenti e esami
orali: nomina irregolare»
URBINO - I Verdi si rivolgono alla Procura per le nomine ad Urbino Servizi, in sostanza, secondo la federazione «nella valutazione del procedimento di selezione del concorso vengono riscontrate gravi anomalie. La commissione ha selezionato i candidati idonei in base a un giudizio orale. Non risulta nessun giudizio di merito dei candidati, depositato ufficialmente per iscritto».
Gianluca Carrabs, chiede un intervento urgente a livello di magistratura «per ripristinare un minimo di trasparenza e chiarezza nella selezione pubblica e nella nomina di direttore di Urbino Servizi. Nella valutazione si riscontrano gravi anomalie a partire dalla selezione dei candidati in base a un giudizio orale. Ci troviamo di fronte un caso che ha dell’incredibile il cda ha assunto il suo direttore in base ad un giudizio orale, che ancora non è stato reso noto ufficialmente per iscritto. Ad aggravare il tutto le parentele che legano la persona prescelta con il vice presidente, il quale anche se non ha preso parte direttamente alla selezione, sicuramente non ha garantito la regola dell’imparzialità dei valutatori, visto che selezionavano il genero di un loro collega». La selezione contestata riguarda un’assunzione a tempo determinato per la copertura della posizione professionale di Responsabile Organizzativo, posizione funzionale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Gennaio 2017, 09:40 - Ultimo aggiornamento: 10-01-2017 09:40

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO