Sant'Ipppolito, prigioniero del fango
con due donne: «Strada indecorosa»

Prigioniero del fango
insieme a due donne:
«Strada indecorosa»
SANT’IPPOLITO - E’ finito con l’auto nel fango restando bloccato e obbligato a chiedere l’aiuto dei vigili del fuoco. E oggi protesta con forza per le condizioni in cui versa la strada comunale di Sant’Ippolito.
«Domenica scorsa - scrive Luigi Livi - nel recarmi all’azienda agricola Pierfederici, in fondo a via Reforzate-Campagna, sono rimasto bloccato con la mia auto in mezzo al fango. La strada comunale, in vari tratti, è coperta di acqua e fango scesi dai terreni coltivati circostanti, tanto da renderla impercorribile in vari periodi dell’anno. La mia auto, dopo vari e pericolosi slittamenti, si è immersa nel fango e acqua senza più avere la possibilità di muoversi. Si è reso così indispensabile l’intervento dei vigili del fuoco, altamente professionale e risolutivo pur in una situazione di particolare difficoltà visto il limitato spazio di manovra per il traino e visto il pericoloso effetto-ventosa che il fango esercita». A bordo tra l’altro c’erano due signore, di cui una di 91 anni, entrambe molto spaventate per l’acqua che filtrava all’interno e per il fango che rendeva impraticabile anche muoversi a piedi.«Incomprensibile - conclude Luigi Livi - che il Comune di Sant’Ippolito lasci abbandonata la strada, senza provvedere neppure alla minima manutenzione. Ancor più incomprensibile è che non venga verificato il rispetto della normativa sulla lavorazione dei terreni, soprattutto di quelli adiacenti all’unica via di accesso a un’azienda agricola».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 17 Maggio 2018, 10:51 - Ultimo aggiornamento: 17-05-2018 10:51

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO