Pesaro, chiedono finanziamento
a nome della zia per andare in vacanza

Chiedono finanziamento
a nome della zia per andare
in vacanza: le nipoti nei guai
di Luigi Benelli
PESARO - Prendono i documenti della zia per aprirsi un finanziamento e farsi una vacanza da sogno. Incastrate, patteggiano. Una storia tutta pesarese e che ieri è finita di fronte al giudice per l’epilogo. A difendere la zia c’era l’avvocato Luca Garbugli che ha avuto il compito di seguire tutta la vicenda per la parte civile, tra richieste di documenti alle banche e alle finanziarie.
«Il caso è venuto presto a galla – spiega Garbugli – in pratica le due nipoti si sono impossessate dei documenti della zia e hanno richiesto un finanziamento di 7500 euro a testa». Tra i motivi della richiesta una bella vacanza in Spagna.
 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 19 Gennaio 2019, 06:00 - Ultimo aggiornamento: 06:00