San Ginesio, ex consigliere muore
dopo un'operazione: c'è un'inchiesta

Choc anafilattico, ex consigliere
muore dopo un'operazione
La procura apre un'inchiesta
SAN GINESIO - Si sottopone ad un’angioplastica ma muore dopo l’intervento. Il dramma è avvenuto lunedì scorso agli ospedali Riuniti di Ancona. A nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo, Renzo Polci, ginesino di 68 anni, è morto apparentemente per uno choc anafilattico. L’intervento effettuato per l’inserimento degli stent - tubicini in rete metallica utilizzati per migliorare la circolazione sanguigna impedendo alle arterie di ostruirsi o bloccarsi - è piuttosto comune anche se possono verificarsi complicazioni.
Lunedì Polci era stato accompagnato all’ospedale dorico dai familiari e pareva che l’operazione fosse andata bene, ma quando è stata estratta la sonda, Renzo l'uomo ha  avuto uno choc anafilattico. I medici dell’equipe hanno tentato di rianimarlo per circa un’ora, poi si sono dovuti arrendere e dichiarare il decesso del paziente. Una morte inspiegabile per i familiari che ora confidano nella magistratura affinché chiarisca le cause della morte. La procura di Ancona ha aperto un’indagine.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Marzo 2019, 06:50 - Ultimo aggiornamento: 13-03-2019 06:50

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO