Porto Recanati, vaga solo nel gelo
Ragazzino soccorso e rifocillato

Vaga solo e affamato
nel gelo, soccorso
un ragazzino senza nome
PORTO RECANATI - Era solo, intirizzito dal freddo e faceva una gran fatica a comunicare non conoscendo la nostra lingua; era all’addiaccio e senza una casa in cui trovare riparo: viste le temperature polari ha rischiato davvero di morire assiderato. Nella nottata tra venerdì e sabato se l’è vista brutta il giovanissimo extracomunitario, tolto comunque da quella incomoda situazione da due anime caritatevoli. 

Il ragazzo – si tratta di un minorenne – è stato infatti accompagnato presso la caserma dei carabinieri di Porto Recanati da due persone che si sono prese cura di lui proprio in considerazione del fatto che non aveva né soldi per mangiare né un tetto sotto cui ripararsi. I due soccorritori hanno subito capito che il ragazzo si trovava in evidente difficoltà; hanno cercato di comunicare e sono riusciti a comprendere la situazione, tanto da far scattare la mobilitazione.

Della questione è stato quindi investito l’ufficio dei Servizi sociali del Comune di Porto Recanati che lo ha preso in carico verificando le sue condizioni generali. Per prima cosa si è trattato di riscaldarlo e di rifocillarlo, dopo di che trovargli una sistemazione sicura e confortevole.  Ed è quello che è stato fatto: sabato mattina i carabinieri hanno infatti accompagnato il ragazzo in una di queste strutture, presso la quale il giovanissimo straniero sarà ospite fino a quando non sarà stato possibile avere notizie più precise sul suo conto, sulla, sua provenienza e possibilmente sulla sua famiglia in modo da riaffidarlo alla famiglia o rimpatriarlo. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Luned├Č 9 Gennaio 2017, 05:25 - Ultimo aggiornamento: 09-01-2017 19:25

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO