Corridonia, ubriaco litiga con l'amico
gli sfonda la porta e devasta la casa

Ubriaco litiga con l'amico
gli sfonda la porta a pugni
e poi devasta la casa
CORRIDONIA - Una discussione con un amico, poi degenerata per apparenti futili motivi, complice anche una buona dose di alcol, e infine un vero e proprio raid in casa e l’abbandono a vandalismi.
I militari del Nucleo radiomobile della Compagnia di Macerata sono subito intervenuti sul posto, dove hanno trovato un uomo di 37 anni, già noto alle cronache, che mostrava evidenti segni di agitazione. Secondo quanto ricostruito dai militari, dopo essere riusciti a riportare la calma, le urla e gli schiamazzi sarebbero stati il frutto di una lite violenta tra l’uomo e un suo amico: una discussione degenerata che ha fatto letteralmente perdere il lume della ragione all’uomo. Dalle parole iniziali e dagli scontri verbali si è passati ai fatti, al punto che il trentasettenne, sempre secondo quanto ricostruito dalle forze dell’ordine, si sarebbe reso protagonista di una vera e propria irruzione nell’abitazione dell’amico. Egli sarebbe entrato riuscendo a sfondare il portone a forza di pugni e calci. Una volta all’interno questi non si sarebbe placato, ma avrebbe continuato a sfogare la sua furia con quanto gli si è parato attorno. All’interno dell’appartamento, infatti, diverse suppellettili sono risultate danneggiate oppure del tutto rotte. Per il trentasettenne è scattata la denuncia in stato di libertà per violazione di domicilio aggravata con violenza sulle cose. Viste le sue condizioni, per lui è scattata anche una multa per ubriachezza molesta.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 11 Giugno 2018, 10:38 - Ultimo aggiornamento: 11-06-2018 10:38

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO