Montefortino, a Ferragosto
si ritorna sull'Infernaccio

A Ferragosto si ritorna
sull’Infernaccio, via i massi
dalla prima strada d’accesso
MONTEFORTINO - Liberato il percorso di accesso all’Infernaccio, fino alla galleria, dai massi che erano caduti sulla strada a seguito delle scosse di terremoto. Nei prossimi giorni si metterà mano al sentiero che dalle pisciarelle porta all’eremo di San Leonardo e alla chiesa costruita, in oltre 40 anni di lavoro solitario, da padre Pietro Lavini, nonché verso Capotenna.

Dunque già per Ferragosto sarà accessibile ai visitatori uno dei luoghi e delle mete dei Sibillini turisticamente più conosciuti. Per il resto ci vorrà qualche giorno in più. Nel progetto è anche prevista la sistemazione di 3 ponticelli (uno prima della gola, e gli altri 2 prima e dentro la galleria) ed una passerella. L’investimento finanziario complessivo sarà di circa 150mila euro, attinto dai fondi per la ricostruzione post sisma. Il ripristino del percorso per l’Infernaccio permetterà anche di raggiungere Capotenna. Ciò permetterà ai tecnici del Consorzio Idrico del Tennacola di controllare la captazione della sorgente. Sarà realizzato anche un percorso nuovo per aggirare il laghetto naturale che si è formato lungo il tratto dopo gli stravolgimenti causati dal terremoto. «Ci stiamo adoperando celermente con la Regione e il Consorzio del Tennacola – dice il sindaco Domenico Ciaffaroni - per far ripartire il turismo e le attività economiche legate ad esso nonché la pastorizia. La sistemazione dell’Infernaccio rappresenta un passaggio fondamentale per rilanciare questo territorio». Una volta liberato il percorso verso l’eremo si potrà anche organizzare il trasporto dei materiali per sistemare la chiesa.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 11 Agosto 2017, 06:05 - Ultimo aggiornamento: 11-08-2017 06:05

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO