Fermo, giro di vite della polizia
su prostituzione e clandestini

Lucciole, clandestini
e case occupate sulla costa
Giro di vite della polizia
FERMO - Giro di vite sul fronte della sicurezza con una nuova operazione della polizia programmata dalla Questura di Fermo. Particolare attenzione alla fascia costiera: al setaccio Porto Sant’Elpidio, quindi Lido di Fermo, Tre Archi e Casabianca sotto il Comune di Fermo, e Porto San Giorgio. Nel mirino lo spaccio di droga, l’abuso di alcol e lo sfruttamento della prostituzione. Un blitz che non è passato inosservato, con decine di agenti e auto che hanno pattugliato la riviera mercoledì e giovedì scorsi. All’operazione hanno partecipato gli agenti della polizia di solito dediti al controllo del territorio, la Squadra mobile e la Polizia scientifica, il Reparto prevenzione crimine di Pescara, la polstrada di Fermo, la polizia locale di Porto Sant’Elpidio e l’Unità cinofila della Guardia di finanza: un controllo da grandi numeri.

Molti i posti di blocco, con il controllo di 150 persone, di cui 35 stranieri, e 90 mezzi; in tutto 4 le multe per la violazione delle norme del codice della strada. Il blitz anche per cercare di arginare la presenza delle prostitute lungo la statale, con 15 lucciole controllate e 4 segnalate all’autorità amministrativa. Un fenomeno difficile da debellare, con le prostitute che puntualmente tornano poi sui marciapiedi a caccia di clienti. Tra l’altro durante la stessa operazione, lungo la statale a Porto Sant’Elpidio, il conducente di un’auto ha tentato di sbarazzarsi di un piccolo involucro con la cocaina gettandolo dal finestrino. La manovra non è passata inosservata e l’uomo è stato segnalato. La polizia si è anche recata in 4 esercizi commerciali (bar e sale scommesse) e in 2 appartamenti a Lido San Tommaso di Fermo, segnalati come occupati in maniera abusiva: uno dei due è poi risultato effettivamente occupato in maniera illegittima.

C’è poi la questione relativa all’immigrazione e ai clandestini, con una serie di accertamenti effettuati in questi giorni dall’Ufficio Immigrazione della Questura. In particolare durante questa settimana ormai agli sgoccioli sono stati espulsi un brasiliano, un albanese e un nigeriano. Nel primo caso al giovane, 34 anni, irregolare sul territorio nazionale, è stato notificato il provvedimento di espulsione dopo essere stato rintracciato a Porto San Giorgio dalle Fiamme gialle; nel secondo caso l’uomo, 44 anni, è stato pizzicato a Fermo dal personale della polizia appartenente all’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico; nel terzo caso, infine, quello del nigeriano, è stato emesso un ulteriore provvedimento di espulsione con l’ordine di lasciare il territorio. Un giro di vite che non finisce qui: i servizi di controllo, come rimarca una nota della Questura, proseguiranno anche nelle prossime settimane e saranno intensificati.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 7 Ottobre 2018, 05:25 - Ultimo aggiornamento: 07-10-2018 05:25

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO