Amandola, contributi dopo il sisma
Critiche e rabbia sui beneficiari

Contributi di 5mila euro
dopo il sisma, polverone
sugli elenchi dei beneficiari
AMANDOLA - Critiche, proteste, rabbia. Un autentico terremoto sociale ha scosso nelle ultime ore i paesi del cratere sismico del territorio dei Sibillini. Ciò dopo la pubblicazione, su una pagina Facebook di un’associazione, degli elenchi, nei vari Comuni tra cui quelli del Fermano, dei lavoratori autonomi che sono stati ammessi a finanziamento di un indennizzo di 5.000 euro per aver interrotto l’attività, anche solo per pochissimi giorni, a causa del sisma. Ciò in base al decreto legge 189/2016 che ha trovato applicazione nel decreto regionale 161/2017.

Una questione che ha portato alla luce le aberrazioni di un provvedimento che, a detta di alcuni tecnici, è molto impreciso e lacunoso, lasciando spazio a interpretazioni anche opposte su chi potesse fare la domanda e quindi spazio anche alle furbizie. Così, vedendo i beneficiari, molti di quelli che sono rimasti fuori e ritenendo di avere le stesse o maggiori condizioni di chi ha usufruito dell’indennizzo, sono sul piede di guerra. Innanzitutto per le tante falle di un provvedimento considerato iniquo e disastroso da tutti.

Poi nel mirino della protesta sono finite associazioni di categoria e consulenti. Qualcuno è stato di manica larga nel consigliare di fare la domanda altri magari l’opposto. O addirittura c’è chi non è stato avvertito dalle stesse associazioni di categoria che esisteva questa opportunità. Ad un imprenditore agricolo di Amandola, che ha veramente sospeso l’attività per diversi giorni, un’associazione di categoria gli ha negato la domanda perché non rientrava nei parametri mentre un’altra gli l’ha fatta redigere ed ora è nell’elenco dei beneficiari.

Un lavoratore autonomo che si occupa di realizzare e curare siti internet per le aziende è stato chiuso per giorni, dopo il terremoto, visto che le imprese clienti non lavoravano. Il proprio commercialista gli ha detto che non poteva fare domanda mentre poi si è visto comparire nell’elenco come beneficiario il commercialista stesso.

Infatti ciò che ha colpito è la gran varietà di categorie beneficiarie e naturalmente i nomi. Ci sono consulenti, avvocati, medici anche di base, ingegneri civili, commercialisti, agenti di commercio e compagnia beneficiando. Maglie larghe dove si potevano inserire quasi tutti i possessori di partita Iva, anche perché i controlli saranno fatti solo sul 5% dei richiedenti, che sono circa 5.000 per tutti i Comuni del cratere per le Marche.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 19 Giugno 2017, 06:40 - Ultimo aggiornamento: 19-06-2017 06:40

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO