Superticket, tutte le differenze
tra Regioni: ecco di cosa si tratta

Superticket, tutte 
le differenze tra Regioni
Ecco di cosa si tratta
ROMA - ''Stiamo lavorando, ormai da più di un anno ad una ridefinizione del superticket in Italia in modo più equo", ha dichiarato il ministro della Salute Beatrice Lorenzinin. ​

Ma cosa sono e come funzionano i superticket? Per superticket si intende il balzello introdotto nel 2011 che prevede il pagamento di 10 euro di ticket su ogni ricetta per le prestazioni di diagnostica e specialistica. Ogni regione può decidere se e come applicarlo e la sua introduzione ha scatenato forti polemiche da parte di alcune regioni che hanno scelto di adottarlo in modo differente. Alcune hanno deciso di modularlo in base al reddito o al tipo di servizio, mentre altre, come la Valle d'Aosta hanno preferito non adottarlo affatto.

Il superticket non si paga in Sardegna, Valle d'Aosta, nella provincia di Trento e Bolzano e in Basilicata. Viene invece applicato il superticket di 10 euro per ogni ricetta medica che abbia un valore superiore ai 10 euro nel Lazio, nel Friuli Venezia Giulia, in Liguria, Marche, Molise, Abruzzo, Puglia, Sicilia e Calabria. In Campania, Piemonte e Lombardia il superticket viene applicato in maniera progressiva all'aumentare del valore della ricetta mentre viene modulato in base al reddito in Veneto, Emilia Romagna, Umbria e Toscana.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 4 Ottobre 2017, 17:47 - Ultimo aggiornamento: 06-10-2017 12:28

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO