Pernigotti: continua il presidio
dei lavoratori davanti allo stabilimento

Pernigotti: continua
il presidio dei lavoratori
davanti allo stabilimento
Dopo l'accordo trovato tra il Governo e il gruppo turco Toksoz sullo stabilimento di Novi Ligure, continua il presidio dei lavoratori. «Vogliamo tutto scritto nero su bianco e vogliamo che sia indirizzato direttamente a noi», così uno dei portavoce dipendenti della Pernigotti Luca Patelli che chiede certezze sull'intesa con la proprietà turca che prevede di reindustrializzare e quindi non più di chiudere il sito produttivo di Novi Ligure. 

«Dal 6 novembre siamo qui, a difendere il nostro posto di lavoro. Speriamo di farcela», aggiunge dal presidio davanti allo storico stabilimento, dove i cento dipendenti hanno atteso la scorsa notte notizie dell'incontro tra il presidente del
Consiglio Giuseppe Conte, il vicepremier Luigi Di Maio e Zafar Toksoz, che col fratello è il proprietario dell'azienda
dolciaria.

«Ci auguriamo che il Mise convochi il tavolo già la prossima settimana - afferma Tiziano Crocco della Uila Uil - Naturalmente la nostra battaglia prosegue, resa ancora più forte da questi primi risultati ottenuti, consapevoli che la strada da percorrere è ancora tanta. Sappiamo però, noi e i lavoratori, di avere tutta Novi con noi». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 27 Novembre 2018, 11:48 - Ultimo aggiornamento: 27-11-2018 13:07

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO