Pensioni, la tanto famosa quota 100
già esiste per medici e dentisti

Pensioni, la tanto famosa
quota 100 già esiste
per medici e dentisti
Per i camici bianchi iscritti all'Enpam (Ente previdenziale dei medici e degli odontoiatri) «la quota 100 è un traguardo già raggiunto, e perfino superato»: di fatto, la Cassa privata «consente ai liberi professionisti e ai convenzionati di chiedere la pensione anticipata già con quota 97, intesa come somma tra età anagrafica e anni di contributi». Lo si legge sul sito dell'Ente presieduto da Alberto Oliveti.

«I vantaggi, rispetto alla riforma che il nuovo governo vuole attuare, non si fermano qui», visto che «se per i dipendenti iscritti all'Inps si parla di consentire l'uscita dal lavoro all'età minima di 64 anni, l'Enpam garantisce la possibilità di pensionarsi già a 62 anni di età, con 35 anni di contributi». Inoltre, si specifica, «nel computo dell'anzianità contributiva rientrano anche gli anni riscattati, o ricongiunti», e «l'unico vincolo esistente è che al momento del pensionamento siano trascorsi 30 anni dalla laurea». Esiste, infine, si legge, «la possibilità di andare in pensione anticipata indipendentemente dall'età anagrafica, se si hanno 42 anni di contributi». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 8 Giugno 2018, 13:35 - Ultimo aggiornamento: 08-06-2018 13:37

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO