Il Messaggero di Sant'Antonio chiude
e licenzia tutti: sciopero a oltranza

Messaggero di Sant'Antonio
chiude e licenzia tutti
Scatta lo sciopero a oltranza
PADOVA - La storica rivista dei frati, il Messaggero di Sant'Antonio, chiude la testata e licenzia tutti i dipendenti.

Scatta la protesta portata avanti anche dalla Federazione della Stampa (Fnsi) e del sindacato: «Un fatto inaccettabile,  prima ancora della comunicazione in sé, la condotta adottata dall'edizione».

I redattori sono in sciopero a oltranza a seguito della comunicazione da parte dell'editore della "chiusura della redazione con la cessazione di tutti i rapporti di lavoro giornalistico". 

Il 'Messaggero di Sant'Antonio" è il mensile edito dai frati della basilica di Padova che arriva in abbonamento a milioni di fedeli nel mondo. La redazione - che fa uscire anche il Messaggero dei Ragazzi - è composta da 8 giornalisti.

 La direzione ha sottolineato di aver cercato in tutti i modi «di evitare questo triste epilogo, nonostante le ingenti perdite registrate, in modo particolarmente evidente già dal 2015 e comunque in questi ultimi decenni». Nel 2017 in bilancio si è chiuso in passivo per 2,7 milioni di euro; le perdite di esercizio nell'ultimo quinquennio (2013-2017) ammontano a circa 10 milioni. I giornalisti erano in contratto di solidarietà da un anno. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 6 Dicembre 2018, 15:48 - Ultimo aggiornamento: 06-12-2018 18:21

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO