Benzina, da oggi ai distributori
le nuove etichette Ue: cosa cambia

Benzina, da oggi
ai distributori le nuove
sigle Ue: ecco cosa cambia
“E” per indicare la benzina, “B” per il diesel più un eventuale numero a specificare la loro percentuale “ecologica”, e “H2” (o altre lettere) per i combustibili gassosi. Sono alcune delle nuove sigle che dal 12 ottobre gli automobilisti troveranno al distributore e su tutte le nuove auto. In applicazione di un regolamento europeo, infatti, da venerdì prossimo le pompe delle stazioni di rifornimento e tutti i nuovi veicoli dovranno dotarsi anche in Italia di nuove etichette carburante. «Tutto è nato - spiegano all’Unione Petrolifera (Up) - dall’esigenza di rendere uniforme, in un contesto di sviluppo dei carburanti alternativi, le etichette dei vari carburanti, anche per evitare confusione nei rifornimenti. Accanto ai tradizionali ‘super’, ‘diesel’ o altri, compariranno nuove etichette».

Queste saranno circolari per la benzina, quadrate per il diesel e a forma di rombo per i combustibili gassosi. Un eventuale numero sarà aggiunto, alla “E” della benzina, se conterrà una percentuale di etanolo (ma in Italia questo non avviene), alla “B” del diesel se sarà presente una quota di biodiesel, mentre i carburanti gassosi saranno indicati da altre lettere. L’obiettivo, come sottolinea Alberto Musso, responsabile area tecnica dell’Anfia, l’associazione nazionale filiera automobilistica italiana, «è aiutare gli automobilisti nella scelta del carburante». Per l’automobilista, ha precisato, «sarà sufficiente controllare la sigla del combustibile del proprio veicolo, per poterla associare immediatamente con quella dell’impianto di distribuzione. Per i veicoli immatricolati prima dell’entrata in vigore della normativa, basterà consultare il manuale del veicolo».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled├Č 10 Ottobre 2018, 11:49 - Ultimo aggiornamento: 12-10-2018 15:04

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO