Voli in ritardo in tutta Europa? «In un caso
su tre è colpa degli scioperi in Francia»

Voli in ritardo in tutta Europa?
«In un caso su tre è colpa
degli scioperi in Francia»
Il vostro aereo è in ritardo? In un caso su tre, la colpa potrebbe essere dei francesi. I dati, d'altronde, parlano chiaro: nella relazione presentata dal Senato in Francia, il paese transalpino domina in Europa per i giorni di sciopero dei controllori di volo e i disagi causati dai dipendenti francesi si ripercuotono anche negli aeroporti di altri paesi. Anzi, stando a quanto riferito dal senatore Vincent Capo-Canellas, ogni giorno di sciopero dei dipendenti aeroportuali in Francia ha un peso specifico maggiore, sul traffico aereo internazionale, rispetto ai colleghi di altri paesi.

Air France, caos scioperi: voli cancellati, migliaia di passeggeri bloccati negli aeroporti

Air France e ferrovie in sciopero per due giorni: oggi e domani caos trasporti in Francia



Secondo la relazione, riportata anche dal Telegraph, il 33% dei ritardi dei voli europei, ogni anno, è causato proprio dagli scioperi massivi dei controllori del traffico aereo francesi, che da anni lamentano migliori condizioni di lavoro e strumenti adeguati per svolgere le proprie mansioni. «Le apparecchiature dei controllori nei nostri aeroporti continuano ad essere obsolete» - ha riferito il senatore - «Ci sono stati alcuni investimenti nell'ultimo decennio, ma siamo ancora indietro rispetto a diversi paesi europei».

I numeri sono chiarissimi: i controllori del traffico aereo, in Francia, hanno scioperato per 254 giorni tra il 2004 e il 2016. Un dato nettamente maggiore di quello della Grecia, che nello stesso periodo ha vissuto 46 giorni di sciopero. L'Italia è terza, con 37, e guadagna questo particolare podio a danno della Germania. Va detto, comunque, che i lavoratori francesi sono spesso compatti e solidali e i controllori del traffico aereo sono sempre stati in prima linea in occasione di scioperi generali. Oltre a migliori condizioni contrattuali, i dipendenti aeroportuali francesi rivendicano ancora l'ammodernamento delle loro apparecchiature, che era stato promesso e garantito entro il 2015 e che non avverrà prima del biennio 2021-2022. 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 19 Giugno 2018, 10:37 - Ultimo aggiornamento: 19-06-2018 10:38

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO