Terremoto in Molise di 4.2 con molte repliche. I sindaci: «Paura per la nuova faglia»

Terremoto in Molise con molte repliche. I sindaci: «C'è allarme
per la nuova faglia»
Trema il Molise alle 11.48 del 25 aprile. Una violenta scossa di terremoto è stata registrata su tutta la costa adriatica. La scossa è stata avvertita dalla gente a Termoli, in Abruzzo fino a Pescara, e nel nord della Puglia, a Foggia come sul Gargano. La magnitudo indicata dall'Ingv è di 4.2 a profondità di 31 km. L'epicentro è ad Acquaviva Collecroce, nei pressi Montefalcone del Sannio e Larino. La notizia dilaga sui social network.

LEGGI ANCHE ----> Terremoto nel Maceratese nella notte


Paura per la nuova faglia. «C'è stata paura in paese per il terremoto di oggi. Molte famiglie che stavano preparando il pranzo sono corse fuori casa e sono rimaste in strada circa mezz'ora. Abbiamo sentito altre scosse dopo quella delle 11.48 con epicentro a Montecilfone». Così il sindaco di Palata, Michele Berchicci che ha avvertito in maniera nitida il sisma di magnitudo 4.2. «Mi sono sentito con un esperto di Napoli - ha aggiunto l'amministratore - ci preoccupa questa nuova faglia. In via precauzionale nella giornata di domani le scuole in paese resteranno chiuse». Fino ad ora sono 5 le scosse che si sono succedute a distanza di pochi minuti di quella 4.2 delle 11.48. L'epicentro a 2 e 3 km di profondità a sud-est di Montecilfone (Campobasso). L'intensità è variata tra 2.1 e 2.6 della Scala Richter. Gli amministratori di alcuni comuni vicini stanno valutando la chiusura delle scuole per domani. 
 
Evento nuovo. Il terremoto di magnitudo 4,2 avvenuto oggi in Molise non rientra nella sequenza sismica iniziata il 24 agosto 2016 nell'Italia centrale. «È un evento nuovo», ha detto all'ANSA il presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Carlo Doglioni. Anche la faglia segue un comportamento diverso rispetto ai terremoti della sequenza di Amatrice perché è molto più profonda e segue un movimento orizzontale.




Nessun danno. Le forze di polizia, Vigili del fuoco e Protezione civile stanno facendo verifiche dopo la scossa di terremoto avvertita dalla popolazione in Molise: al momento non vengono segnalati danni. «Ho appena parlato con il sindaco di Guardialfiera (Campobasso), hanno sentito la scossa ma non c'è nessun problema». Così il presidente uscente della Regione Molise, Paolo Frattura.




 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 25 Aprile 2018, 12:14 - Ultimo aggiornamento: 26-04-2018 18:49

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO