Marta, a 20 anni vittima di stalking:
«Unico modo per vincere è parlare»

Marta, a 20 anni vittima
di stalking: «Unico modo
per vincere è parlare»
di Rossella Grasso
Marta non ha più paura, solo rabbia. Ha 20 anni, studia storia all'Università, e da circa 4 mesi è vittima di stalking da parte di uno sconosciuto. I suoi amici, i ragazzi dell' Ex Opg - je  so' pazz e gli abitanti della zona si sono radunati a piazza Quattro Giornate per manifestare solidarietà a Marta e protestare contro ogni forma di violenza sulle donne. «Se toccano una toccano tutte. Siamo tutt* Marta» c'è scritto sullo striscione che ha sfilato per le vie del Vomero a Napoli. «Siamo qui per tutte le donne che subiscono violenza - ha detto Marta - In tante hanno una storia simile alla mia. È importante rompere il silenzio».
 

«Era il primo maggio quando l'ho incontrato per la prima volta - racconta Marta - Mi ha chiesto come mi chiamassi e io non glie l'ho detto. Pochi giorni dopo conosceva il mio nome, quello delle mie amiche, del mio fidanzato, di mia sorella. È convinto di essere il mio ragazzo». L'incubo di Marta è continuato, appostamento dopo appostamento, finchè un giorno l'uomo le ha preso i polsi con forza costringendola a baciarlo. È finita all'ospedale e ha denunciato tutto ai carabinieri. Poi qualche sera fa sul pavimento di casa sua ha trovato un biglietto: «Vuoi dormire con me?», c'era scritto a penna. «Era davvero troppo - racconta Marta - È come se avesse violato il luogo in cui mi sento al sicuro, casa mia. Non ci ho visto più. Mi sono seduta al computer e ho scritto un post in cui raccontavo tutto quello che stavo passando». In poche ore il post su Facebook ha raggiunto oltre 63.000 like e una quantità infinita di commenti.

«Ho scritto il post per sfogarmi, liberarmi e sportattutto per dire a quell'uomo che mi aveva veramente rotto - continua - sono una persona timida, non pensavo che avrebbe avuto tanta risonanza. Questo mi ha fatto capire che sono tantissime le donne che almeno una volta hanno avuto paura. Io ho avuto il coraggio di denunciare, è importante che lo facciano tutte». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 19 Agosto 2018, 22:46 - Ultimo aggiornamento: 19-08-2018 23:50

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO