Solstizio d'estate: «15 ore di luce in Italia».
E a Stonehenge festeggiano in 25mila

Solstizio d'estate, ecco cos'è:
«15 ore di luce in Italia».
Stonehenge, festa per 25mila
Solstizio d'estate, ecco cos'è:
«15 ore di luce in Italia».
Stonehenge, festa per 25mila
Oggi non è un giorno come gli altri. Il 21 giugno è infatti il solstizio d’estate, il giorno in cui c’è il maggior numero di ore di luce possibile: accade una volta all’anno e si deve al Sole e alla sua posizione, che raggiunge il punto più a Nord. Da sempre il 21 giugno è identificato con l’inizio dell’estate, nonostante abbiamo imparato col tempo che quest’ultima, dal punto di vista meteorologico, inizia spesso molto prima.

Oggi saranno più di 15 le ore di luce in Italia. Da domani, 22 giugno, il Sole inizia a spostarsi verso Sud e le giornate si accorceranno sempre di più, gradualmente, fino al 21 dicembre, quando accadrà l’esatto opposto: nell’emisfero opposto al nostro, quello australe, ovviamente il tutto è rovesciato. A dicembre ci sarà il solstizio d’estate mentre oggi farà buio prima del solito.

Copyright, «stop a meme e video delle vacanze»: la riforma dell'Ue può rivoluzionare il web

 
 

IL RITO A STONEHENGE: 25MILA PRESENTI Sguardi estatici verso l'alto, invocazioni al sole, ma niente alcolici. Si rinnova anche quest'anno, con il solstizio d'estate, il rito New Age dei visitatori del sito neolitico di Stonehenge, in Inghilterra: benedetti da un'alba da cartolina e da una giornata di bel tempo, tutt'altro che scontata da quelle parti anche a giugno inoltrato, sono arrivati in migliaia nelle ultime ore, dalla Gran Bretagna come dal resto del mondo.

Nel giorno più lungo dell'anno, i raggi del sole hanno centrato esattamente - alle 4.52 ora locale, le 5.52 in Italia - la grande pietra (Hill Stone) indicata come antico ingresso dello Stone Circle, dove si ritiene che il solstizio sia stato celebrato per migliaia di anni. La platea attesa di 25.000 adepti e curiosi, tuttavia, non si è finora materializzata: in mattinata se ne sono visti quasi 10.000, secondo i calcoli riferiti all'agenzia Press Association da Kate Davies, direttore del centro dello Stonehenge for English Heritage.

«L'atmosfera in ogni modo è amabile e amichevole», ha aggiunto Davies. Tutto bene anche secondo polizia e amministrazione locali della contea di Wiltshire, che impongono come uniche regole quelle di portare con sé solo piccole borse, di non sporcare e di non bere alcol. L'inizio dell'estate del 2017 fu segnata nel sito da un afflusso di 13.000 persone, quello del 2016 di 12.000, mentre il picco recente risale al 2015: 23.000 presenze stimate.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Giugno 2018, 12:32 - Ultimo aggiornamento: 21-06-2018 14:58

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO