Estremista islamico in carcere
Gli danno la semilibertà e lui evade

Estremista islamico
in carcere: gli danno
la semilibertà e lui evade
PERUGIA - Era monitorato per radicalismo islamico e aveva pendente un provvedimento di espulsione dall’Italia ma l’uomo, un detenuto straniero ristretto nel carcere di Perugia Capanne di 32 anni con fine pena 2020, fruiva di semilibertà e ha fatto perdere le sue tracce. «Tecnicamente si tratta di evasione, e questo non può che avere per lui gravi ripercussioni se non si costituisce al più presto», spiega Fabrizio Bonino, segretario nazionale per l’Umbria del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria , il Sappe.

Bonino giudica la condotta del detenuto «un evento irresponsabile e gravissimo, per il quale sono già in corso le operazioni di polizia dei nostri Agenti della Penitenziaria finalizzare a catturare l’evaso. Ma certo va fatta chiarezza sulla vicenda in sé, sulla mancata espulsione dell’Italia e sul fatto che un detenuto monitorato per radicalismo islamico fruisca di benefici penitenziari che gli consentono di uscire dal carcere». 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 22 Luglio 2018, 20:01 - Ultimo aggiornamento: 22-07-2018 21:09

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO