Papa Francesco: «Attenti ai truffatori
che vendono biglietti per le udienze»

Il Papa: «Attenti ai truffatori
che vendono biglietti
per le udienze: sono gratuiti»
CITTA' DEL VATICANO - «Devo dirvi una cosa che non vorrei dirla, ma devo dirla, - ha detto il Papa in udienza generale - per entrare alle udienze ci sono i biglietti di entrata, è scritto nei biglietti in una, due, tre, quattro, cinque e sei lingue si dice "il biglietto è del tutto gratuito", per entrare in udienza sia in aula che in piazza non si deve pagare, è gratuita è una visita gratuita che si fa al Papa per parlare con il Papa, con il vescovo di Roma, ma ho saputo che ci sono dei furboni eh, che fanno pagare i biglietti, se qualcuno vi dice che per andare in udienza dal Papa c'è bisogno di pagare qualcosa, ti stanno truffando, stai attento, stai attenta, questo è gratuito, qui si viene senza pagare perché questa è casa di tutti e chi dice di far pagare, questo è un reato, non so, ma quell'uomo e quella donna è una delinquente, questo non si fa, capito?». Il Papa è stato molto applaudito per questo annuncio.

Nel corso della setssa udienza Papa Francesco ha detto: «Fa dolore all'anima quello che anni fa ho sentito nell'altra diocesi: una donna molto bella si vantava della sua bellezza. Commentava come se fosse naturale: eh sì, ho dovuto abortire perché la mia figura è molto importantè, così. Questi sono gli idoli che portano sulla strada sbagliata e non danno felicità».

«Il mondo ci offre tante speranze contraffatte, che invece di darci fiducia e sicurezza, ci strappano la libertà trasformandoci in puri schiavi di esse. Gli idoli, come la droga, ci promettono gioia per rubarci la libertà. Per questo la cura della schiavitù degli idoli consiste innanzitutto nel riconoscerli, nel decidere di liberarcene, nel coraggio di abbandonarli. E soprattutto nel porre la nostra speranza nel vero Dio vivente Gesù Cristo, l'unico salvatore dell'umanità».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled├Č 11 Gennaio 2017, 11:28 - Ultimo aggiornamento: 11-01-2017 13:01

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO