Niente fossa per la bara della suocera
il genero si mette a scavare al cimitero

Niente fossa per la bara
della suocera: il genero
si mette a scavare al cimitero
Sepoltura impossibile: il famigliare della persona deceduta prende il badile e si mette a scavare. Un episodio non degno di un paese civile, a tratti grottesco se non si stesse parlando di una tragedia, quello accaduto sabato, alle 15, al cimitero di Salce, in provincia di Belluno. È a quell’ora che il feretro della 79enne Bruna Rossa, di via Fisterre, è arrivato dalla chiesa di Mussoi, con sacerdote e corteo funebre a seguito.

LEGGI ANCHE La moglie incinta muore in un incidente causato da un ubriaco: lui pubblica le foto dentro la bara

Ma la fossa non era pronta e la sepoltura era impossibile perché nessuno voleva prendersi la responsabilità di rompere un sacco di ghiaia che era posizionato sullo spazio dove doveva esserci la buca. L’unica soluzione era quella di lasciare la salma nella chiesetta del cimitero fino a lunedì. «Non potevo - racconta il genero della defunta, Paolo Cumerlato - pensare di tornare a casa con mia moglie disperata senza dare degna sepoltura a sua mamma: mi sono preso io la responsabilità e ho rotto il sacco».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 16 Ottobre 2018, 09:10 - Ultimo aggiornamento: 16-10-2018 11:05

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO