Estate di San Martino, la leggenda
ecco perché si chiama in questo modo

Estate di San Martino
la leggenda: ecco
perché si chiama così
Dopo i primi freddi, e l'abbattersi del maltempo che ha flagellato tutta l'Italia, dall'inizio della prossima settimana assisteremo ad un graduale aumento delle temperature. Si tratta della cosiddetta Estate di San Martino: così viene tradizionalmente definito il caldo anomalo nel bel mezzo dell'autunno. Ovviamente non è qualcosa di puntuale e certo ogni anno, ma comunque abbastanza comune per poter essere definito sulla base di una tradizione cristiana.





Per Estate di San Martino, infatti, viene definito il periodo, generalmente all'inizio di novembre, in cui le temperature autunnali si alzano, regalando sole e un piacevole tepore. Se nell'emisfero boreale questo periodo coincide con la prima metà novembre, lo stesso fenomeno, nell'emisfero australe, avviene tra aprile e maggio.

L'origine del nome deriva dalla cosiddetta tradizione del mantello di San Martino di Tours: il santo, vedendo un mendicante patire il freddo durante l'acquazzone, gli cede metà del suo mantello, poi fa altrettanto con un altro mendicante. Dopo che San Martino si denuda per far riscaldare gli altri, il cielo si schiarisce e le temperature aumentano vistosamente. Probabilmente, è anche sulla base di questa tradizione che la ricorrenza di San Martino accade proprio in questo periodo dell'anno, per la precisione l'11 novembre.

Al di là della tradizione cristiana, gli aumenti di temperatura in autunno hanno un nome specifico in varie culture. Nei paesi anglosassoni, ad esempio, si parla di estate indiana (Indian Summer), mentre in Russia esiste la cosiddetta estate delle nonne (Bab'e leto).
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 9 Novembre 2018, 10:26 - Ultimo aggiornamento: 09-11-2018 10:56

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO