San Benedetto, una corda intorno
al corpo di Vincenzo: giallo s'infittisce

Una corda intorno ​al corpo
di Vincenzo Napoli:
il giallo si infittisce
SAN BENEDETTO - Una corda arancione intorno al corpo ritrovato al porto di San Benedetto. C’è anche questo tra i numerosi interrogativi relativi al ritrovamento di quello che sembrerebbe essere il corpo di Vincenzo Napoli, il quarantenne del quale si erano perse le tracce lo scorso 25 febbraio. Intorno al corpo c’era infatti una corda da ormeggio ed ora c’è da capire se possa trattarsi di un’attrezzatura da pesca che possa essersi impigliata o se il corpo sia finito in acqua già cinto da quel cavo. Per il momento però la priorità è quella di capire se si tratti effettivamente del corpo di Vincenzo Napoli. L’esame del dna, che sarà effettuato su campioni prelevati durante l’autopsia da quei resti, dovrà infatti dare la conferma che il cadavere trovato sotto la passerella del circolo nautico siano effettivamente quelli di Vincenzo Napoli.
Pochissimi, sono i dubbi che non possa trattarsi del quarantenne scomparso a fine febbraio da San Benedetto. Il padre, nel tardo pomeriggio di lunedì, ha infatti riconosciuto alcuni oggetti personali che si trovavano addosso al corpo. Le chiavi di casa di Vincenzo, le scarpe e i pantaloni. In pratica occorre la conferma ufficiale, che potrà dare soltanto l’esame del dna, che si tratti del corpo dell’uomo. «In questo momento la nostra priorità– spiega il legale della famiglia, l’avvocato Enrico Sciarroni – è quella di sapere al cento per cento se quei resti siano di Vincenzo o no». Proprio in preparazione agli esami che dovranno stabilire l’identità del corpo nel pomeriggio di ieri i genitori di Vincenzo Napoli sono stati convocati in Capitaneria di porto per espletare alcune procedure burocratiche propedeutiche proprio all’esame e genetico di quei resti.
La seconda priorità è relativa invece alle cause della morte e come quel corpo sia finito al di sotto del molo principale del porto turistico sambenedettese. La Procura, al momento, non esclude alcuna ipotesi ed il ritrovamento di quella corda rappresenta un ulteriore interrogativo in merito.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Aprile 2018, 12:41 - Ultimo aggiornamento: 11-04-2018 12:41

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO