Senigallia, non si compra più l'auto
ma il venditore pretende la percentuale

Non si compra più l'auto
ma il venditore pretende
comunque la percentuale
di Federica Serfilippi
SENIGALLIA - Va in una concessionaria, si mette d’accordo con il proprietario per la vendita di un’Audi, ma alla fine l’affare salta. E con la mancanza di soldi in entrata, un affiliato del gestore dell’attività commerciale – a cui sarebbe spettata una parte dell’incasso – cerca di far redimere l’acquirente appena sfumato. Non con le parole e un’opera di convincimento tipica dei commerciali, ma con le botte e la pretesa di denaro a titolo di risarcimento per la mancata compravendita. È questo il contesto ricostruito dalla procura per il procedimento finito ieri mattina al quinto piano del palazzo di giustizia.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 13 Settembre 2018, 05:05 - Ultimo aggiornamento: 05:05