Task force in strada, prostitute multate
«Paghiamo, non ditelo ai nostri genitori»

Task force in strada, multate
le prostitute: «Paghiamo
non ditelo ai nostri genitori»
SENIGALLIA - «Paghiamo subito, i nostri genitori non devono sapere che ci prostituiamo». È stata la reazione di alcune delle otto squillo, sanzionate dai carabinieri nel corso della retata avvenuta mercoledì sera. I militari, alla guida del tenente Antonio De Santis, al comando in questi giorni della Compagnia di Senigallia, hanno fermato, controllato e sanzionato le otto prostitute trovate nella zona nord della città, tra via Raffaello Sanzio e la statale Adriatica nord nei quartieri della Pace, Cesanella e Cesano.

Qui nelle ultime settimane i residenti, esasperati, hanno mandato vari appelli. L’ultimo dagli abitanti della Pace vicino al distributore della Esso, prima ancora dalla Cesanella dove un bambino aveva chiesto al padre cosa stesse facendo la signorina sotto casa loro e poi ancora da Cesano. Questa prima retata ha interessato la parte nord della città. I controlli proseguiranno a sud nei prossimi giorni. Singolare la reazione di alcune romene fermate. Sono arrivate in Italia per studiare e lavorare. Questo hanno raccontato alle famiglie prima di partire. Ancora adesso continuano a confermare una realtà diversa ai genitori, con cui sono in contatto costante, certe che disapproverebbero la verità dei fatti. Di meglio non hanno trovato e sembrano rassegnate a stare sulla strada. I carabinieri nel notificare la multa da 50 euro, prevista dal regolamento comunale di polizia urbana, hanno riferito che se non avessero pagato la multa sarebbe arrivata a casa, in Romania. Subito le ragazze si sono spaventate, assicurando che avrebbero saldato il conto in tutta fretta. Le altre invece, tra cui una brasiliana, sono rimaste indifferenti, asserendo che non avrebbero pagato perché non importava loro se nel Comune di Senigallia è vietato esercitare il meretricio sulla pubblica via.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 13 Ottobre 2017, 06:15 - Ultimo aggiornamento: 13-10-2017 06:15

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO