Donne contagiate da hiv, la compagna
dell'untore: «Ingannata anch'io»

Donne contagiate da hiv
la compagna dell'untore
«Ingannata anch'io»
«Sono stata defraudata della libertà di scegliere e ingannata rispetto alla patologia di cui è affetto». Si è sfogata così con le poliziotte del servizio Reati di Genere dello Sco, diretto da Francesca Capaldo, la compagna dell'autotrasportatore 36enne dell'Anconetano arrestato con l'accusa di aver contagiato con il virus Hiv - lui non mostra sintomi, ha sviluppato la malattia ma rifiuta di riconoscerla e di curarsi - molte altre partner (non è escluso che vi siano anche uomini) con cui ha avuto rapporti sessuali non protetti, compresa l'ex moglie morta di Aids l'anno scorso.

La donna, residente ad Agugliano, ha riferito ai poliziotti di aver sporto denuncia anche per evitare che altre potessero correre lo stesso rischio. Lei aveva conosciuto il 36enne a una cena e aveva iniziato a frequentarlo assiduamente da febbraio. A maggio i primi malesseri fisici (mal di gola, febbre) e, anche in considerazione di alcune voci che giravano sullo stato di salute del compagno, aveva deciso di sottoporsi ad accertamenti clinici presso il reparto di Malattie infettive degli Ospedali Riuniti di Ancona. Aveva scoperto così di essere stata contagiata dal virus Hiv. Dopo lo choc, ha riferito la polizia, c'era stata una fitta corrispondenza di messaggi Whatsapp tra i due: lei chiedeva con insistenza spiegazioni su ciò che era accaduto, ottenendo da lui timide ammissioni alternate a complete negazioni della malattia.

L'uomo le avrebbe anche inviato un video-selfie in cui inscenava un autoesame con un kit per il prelievo del sangue, per 'rassicurarlà. Ora la polizia, Squadra Mobile e Sco coordinati dalla Procura di Ancona, stanno cercando di individuare le potenziali persone contagiate dal 36enne - l'uomo ha parlato di rapporti non protetti con circa 200 donne - a tutela della salute pubblica e per permettere a eventuali vittime di fare accertamenti o iniziare eventualmente le cure del caso. Intanto sono stati sequestrati all'arrestato due pc, tablet e due telefoni: i poliziotti stanno passando al setaccio la cronologia dei contatti telefonici e via chat per risalire alle potenziali vittime di contagio per metterle in guardia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Giugno 2018, 16:55 - Ultimo aggiornamento: 13-06-2018 17:02

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 di 0 commenti presenti