Imprenditore pakistano di 27 anni
tratto in arresto per caporalato

Imprenditore pakistano
di 27 anni tratto
in arresto per caporalato
ARCEVIA - Continua l’impegno degli uomini dell’Arma nel contrasto al fenomeno del caporalato e sfruttamento nel settore agricoltura. A conclusione di un’articolata attività investigativa avviata con l’inizio della “campagna vitivinicola 2018” e coordinata dalla Procura di Ancona, nella mattinata di ieri i militari del Comando Stazione Carabinieri di Arcevia unitamente a personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Ancona e Pesaro-Urbino hanno arresto un 27enne, imprenditore pakistano, esercente attività di agricoltura per conto terzi, residente ad Arcevia, resosi responsabile del delitto di intermediazione e sfruttamento di manodopera, introdotto dalla recente legislazione sul lavoro con la modifica dell’art. 603-bis C.P..

L’attività d’indagine svolta congiuntamente dai citati Reparti dell’Arma, che ha interessato il periodo settembre-ottobre 2018 e coinvolto l’entroterra delle province di Ancona e Pesaro-Urbino, ha ricostruito un preciso quadro probatorio che dimostra il reclutamento e la fornitura di manodopera a basso costo da impiegare nelle aziende agricole del territorio.

L’imprenditore arrestato ha reiterato lo sfruttamento dei lavoratori, approfittando del loro stato di bisogno, in quanto cittadini immigrati richiedenti protezione internazionale, reclutati fra persone in cerca di lavoro ed in condizioni di indigenza, vulnerabilità e di estremo bisogno di lavorare e guadagnare per la sopravvivenza propria e dei rispettivi familiari rimasti nel paese di origine; poi, come evidenziato nel corso delle indagini durate diverse settimane e condotte anche con l’ausilio di strumentazioni tecniche e riprese video nei campi, li sottoponeva a condizioni di sfruttamento, obbligandoli a lavorare almeno dieci ore al giorno (ben oltre l’orario normale di lavoro giornaliero consentito), con paghe inferiori e palesemente “umilianti” e fortemente sproporzionate rispetto a quanto previsto dei CCNL di riferimento (appena  5 euro l’ora a fronte delle 9 euro previste dal contratto di riferimento), violando altresì reiteratamente la normativa in materia di sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro sottoponendo i lavoratori a condizioni e situazioni alloggiative degradanti.

L’arresto, raccolti tali inconfutabili elementi, è scattato al termine di un accesso ispettivo eseguito in un vigneto delle campagne della frazione Isola di Fano del comune di Fossombrone, ove i Carabinieri hanno sorpreso nove lavoratori extracomunitari intenti nella vendemmia reclutati dal pakistano. Tutti e nove versavano in condizioni di sfruttamento: di essi due erano completamente non in regola (c.d.: ”in nero”). Notificate dal personale del comparto di specialità dell’Arma, sanzioni amministrative per euro 8.000,00 connesse con impiego di lavoratori senza la preventiva comunicazione di assunzione – violazioni normativa di sicurezza ed adottato, stante l’impiego di manodopera non in regola nella misura superiore al 20% del personale occupato, il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale. Si documentava, altresì, che i lavori irregolari vivevano in condizioni alloggiative degradanti, dormendo su materassi adagiati sul pavimento di un appartamento fornito dall’imprenditore e mangiando un pasto caldo al giorno; “servizi” per i quali, sempre “l’avido” imprenditore provvedeva poi a decurtare dalla paga mensile circa 200,00 euro.

L’arresto è stato convalidato ed il Giudice ha disposto nei confronti del pakistano la custodia cautelare in carcere pertanto è stato trasferito presso la Casa Circondariale di Monteacuto.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 11 Ottobre 2018, 16:06 - Ultimo aggiornamento: 11-10-2018 16:11

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO