Ancona, il signore dei diamanti Sacchi
indagato per truffa: sequestro milionario

Il signore dei diamanti
Sacchi indagato per truffa:
sequestro milionario
di Lorenzo Sconocchini
ANCONA - E’ nata nel 2005 e ha prosperato alla Baraccola, dov’è tutt’ora attiva, la Dpi di Maurizio Sacchi, una delle due società che commercializzano diamanti da investimento coinvolte in un’inchiesta della Procura di Milano su una presunta truffa ai danni di numerosi risparmiatori, tra cui volti noti dello spettacolo come il rocker Vasco Rossi, che avrebbero pagato le pietre preziose almeno il doppio del loro valore. La Diamond Private Investment Spa - sede legale a Roma, ma base operativa e uffici in via Sandro Totti 12/D ad Ancona - è sospettata di aver piazzato attraverso il circuito delle banche diamanti dal valore gonfiato. Come? Con un meccanismo subdolo - secondo accuse ancora da dimostrare - basato su inserzioni pubblicitarie spacciate per quotazioni di mercato e fatte pubblicare a pagamento su importanti quotidiani economici nelle pagine dei listini di Borsa, per ingenerare nei potenziali clienti la convinzione che si trattasse di quotazioni ufficiali, mentre erano semplici listini prezzi per altro superiori ai valori effettivi delle pietre
 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Febbraio 2019, 04:35 - Ultimo aggiornamento: 04:35