Fa shopping, il marito la picchia
Presa a schiaffi davanti ai figli piccoli

Fa shopping, il marito
la picchia: presa a schiaffi
davanti ai figli piccoli
ANCONA - Avrebbe gestito in maniera totalitaria tutte le entrate economiche della famiglia, impedendo alla moglie di vivere una vita indipendente e compiere qualsiasi spesa non prevista. Una violenza psicologica che, secondo la procura, sarebbe stata accompagnata da altre vessazioni, percosse, minacce e insulti, molto spesso davanti ai figli minori della coppia, testimoni inconsapevoli di una relazione sgretolatasi nel tempo e finita in tribunale.

Se in sede civile si è aperta la causa di separazione, in quella penale è entrato nel vivo il processo che vede l’uomo, un operaio pugliese di 44 anni, imputato per maltrattamenti in famiglia perpetrati tra il 2011 e il 2016. Parte civile, la sua ex moglie di 5 anni più giovane, parte civile tramite l’avvocato Laura Catena. Ieri, davanti al giudice Paolo Giombetti, hanno sfilato come testi gli agenti di polizia che si erano occupati del caso e la psicologa del centro antiviolenza a cui si era rivolta la donna nel 2014, quando era ancora disoccupata. «In quel momento, il marito – ha detto la specialista – esercitava sulla donna una violenza psicologica molto forte, fatta di episodi svalutanti per la vittima scaturiti dal fatto che lei voleva iniziare a lavorare per rendersi autonoma e poter fare dei piccoli regali ai figli». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled├Č 22 Novembre 2017, 05:05 - Ultimo aggiornamento: 22-11-2017 05:05

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO