L’auto sospetta girava tra le case di notte
Fuga a tutto gas contromano a fari spenti

L’auto sospetta girava
tra le case di notte: fuga
in contromano a fari spenti
ANCONA Un inseguimento alla Fast and Furious, fra contromano e accelerazioni a fari spenti, su e giù per la città, fino al casello di Ancona Sud. Mezz’ora da brividi per una rocambolesca caccia ai fuggitivi, a bordo di un’auto a noleggio, che ha tenuto impegnate almeno 5 pattuglie dei carabinieri del Norm, Ancona Centro e delle stazioni di Osimo e Falconara. 
La scena thrilling
Il rombo dei motori e le sirene spiegate hanno svegliato nel cuore della notte decine di persone allarmate, catapultate in un thrilling. Il ciak conclusivo lungo la bretella che collega l’Asse nord-sud alla Statale 16: l’auto impazzita l’aveva presa contromano, per errore o per seminare i carabinieri, dopo aver trovato sbarrata la rampa d’accesso al casello A14, chiusa per lavori. Proprio sulla bretella una pattuglia del Norm di Osimo ha bloccato l’auto, una Hyundai I 30 grigia con un faro anteriore rotto probabilmente nell’impatto con un marciapiede durante la folle corsa. 
A bordo due napoletani di 35 e 32 anni, con numerosi precedenti. Erano ubriachi. Quando si sono arresi, hanno spiegato di essere arrivati ad Ancona per far visita ai parenti ma il sospetto è che stessero architettando qualche colpo. S’indaga per capire se siano loro i responsabili di una serie di furti in centro. Il conducente è stato denunciato per resistenza e guida in stato d’ebbrezza (positivo all’etilometro), gli è stata ritirata la patente ed è stato segnalato alla Prefettura perché in possesso di una piccola quantità di hashish. Dalla perquisizione nella camera di un albergo di Osimo in cui i due alloggiano non è spuntato nulla. 
Mezzanotte di fuoco 
L’allarme è scattato attorno a mezzanotte quando una pattuglia della stazione di Ancona Centro ha incrociato la Hyundai che percorreva via Montebello a fari spenti e si è dileguata, imboccando via Santo Stefano contromano per rifugiarsi in un parcheggio. Invitato a scendere, il conducente ha spinto sull’acceleratore ed è scappato verso via XXV Aprile in direzione Asse. Subito diramata la ricerca, l’inseguimento si è protratto fino alla bretella in cui la Huyndai, tornando verso la Baraccola, si è immessa nel senso sbagliato. È un miracolo che nessuno si sia fatto male. Mezz’ora di paura, poi la resa. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 12 Gennaio 2018, 04:35 - Ultimo aggiornamento: 12-01-2018 04:35

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO