Un malore stronca Stacco, addio
al notaio della gente: domani i funerali

Un malore stronca Stacco
addio al notaio della gente
Domani l'ultimo saluto
ANCONA - Non era uno di quei parrucconi impettiti dai modi altezzosi e dal piglio austero. Era piuttosto il notaio di tutti, uno che non amava stare in cattedra, ma tra la gente. Non faceva mai pesare il suo ruolo, al contrario: chiunque ne apprezzava le doti comunicative, la sensibilità, la capacità di abbandonare il burocratese per esprimersi con un linguaggio comprensibile al popolo, all’occorrenza con colorite espressioni dialettali. 

Si è fatto volere bene Roberto Stacco, uno dei notai più conosciuti e stimati del capoluogo. Aveva compiuto 75 anni lo scorso 2 dicembre. Si è spento lunedì a Macerata, dove si era trasferito per dare una mano alla figlia Erica e dedicarsi alla vita da nonno, al fianco dei due adorati nipotini. Ora lo piange una città intera perché se n’è andato un professionista esemplare, un grande lavoratore che nel suo storico studio affacciato su piazza Cavour ha assistito migliaia di clienti, sempre con serietà e modi affabili. I funerali domani alle 15 a Macerata nella parrocchia dell’Immacolata in corso Cavour.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled├Č 14 Febbraio 2018, 05:45 - Ultimo aggiornamento: 14-02-2018 05:45

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO