Alluvione di Senigallia, due sindaci
e altri 6 rischiano il rinvio a giudizio

Alluvione di Senigallia
due sindaci e altri sei
rischiano il rinvio a giudizio
SENIGALLIA - Dodici novembre 2018. È questa la data scelta dal gup Francesca De Palma per fissare l’udienza preliminare che tratterà l’inchiesta aperta ben quattro anni fa per indagare sull’alluvione di Senigallia. 
A vario titolo, sono contesti reati a otto persone: il sindaco Maurizio Mangialadi, il suo predecessore Luana Angeloni, il dirigente dell’Area tecnica Gianni Roccato e il comandante della polizia municipale Flavio Brunaccioni, a capo della protezione civile all’epoca dei fatti. Per il Comune si tratta di loro quattro. Rischiano il rinvio a giudizio anche Massimo Sbriscia, ex dirigente della Provincia di Ancona, Mario Smargiasso, direttore dell’Autorità di Bacino, l’ingegnere Alessandro Mancinelli consulente del Comune nella fase di riperimetrazione del Pai (Piano assetto idrogeologico), e Libero Principi, dirigente della Regione.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Luglio 2018, 16:29 - Ultimo aggiornamento: 10-07-2018 16:29

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO